0 0
italian wood
handmade luxury glasses
About

About

Dalla passione per il disegno e dalla voglia costante di mettersi alla prova nasce quasi per gioco Italianwood. La ricerca costante della perfezione ha fatto modo di ottenere prodotti unici dal design semplice ma di forte impatto.
Tutti gli occhiali Italianwood sono fatti a mano e quello che li rende pezzi unici è il loro principale componente: Il legno. Sono costruiti unendo strati di legno mediante la tecnica dell’impiallacciatura per garantirne una struttura solida e robusta.

Nelle varie essenze di legno utilizzate accomunate dalla Durezza della fibra, si è andati a valorizzare i loro punti forti quali venature e colori. Rifiniti, assemblati completamente a mano e controllati in ogni singola componente, sono ulteriormente arricchiti con un doppio movimento che agevola l’ indossamento rendendoli assolutamente confortevoli ed estremamente leggeri pur mantenendo una struttura importante. Anche se ogni singolo pezzo è già unico, si ha la possibilità di impreziosirlo ulteriormente con svariate personalizzazioni come aggiuntasi inserti in metalli preziosi, diamanti ed incisioni.

Le essenze

Ebano Macassar

è originario dell’isola di Sulawesi. E’ un essenza molto pregiata con una struttura molto dura, di grana finissima, suscettibile di perfetta lucidatura e presenta un colore nero con striature marroni e rossastre. In particolare viene usato per mobili di lusso, per la fabbricazione di strumenti musicali e per oggetti ornamentali.

Palissandro

essenza molto pregiata fornita da varie specie di papiglionacee appartenenti ai generi Dalbergia e Pterocarpus e adoperato per oggetti di lusso. È un legno duro, pesante, con alburno e durame ben differenziati per l’ampia gamma di colorazione, e riceve denominazioni specifiche a seconda della provenienza: Palissandro d’Africa, tipicamente quello fornito da Pterocarpus erinaceus con alburno giallastro e durame bruno-nerastro; Palissandri del Madagascar, ricavati da diverse specie di Dalbergia; Palissandro d’America, in particolare del Brasile (Dalbergia nigra) con alburno biancastro e durame bruno o violetto porporino; Palissandro d’Asia, tra i quali dell’India o di Giava (Dalbergia latifolia), con durame roseo-bruno o porporino violetto. Dal 2018 è stato inserito tra le specie protette.

Mowinghi

cresce nelle foreste della fascia tropico-equatoriale circondanti il Golfo di Guinea, dalla Costa d’Avorio sino al Gabon. E’ un essenza particolarmente pregiata caratterizzata dal colore giallo dorato che col tempo e l’esposizione all’aria, tende a scurire. La tessitura e’ piuttosto fine mentre la fibratura e’ frequentemente incrociata ed ondulata, il che, con il taglio sul quarto, permette di ottenere dei tranciati con effetto decorativo.

Cirmolo

principalmente cresce in Siberia ma lo troviamo anche nelle Alpi centrali del Tirolo, nelle alpi svizzere e in alcune regioni dell’ Asia quest’ essenza oltre ad essere molto pregiata è anche molto rara e quindi protetta. Cresce tra i 1800 e i 2000 metri in un clima estremo, resistendo a temperature fino a meno 50°C e raggiungendo un’età di 1000 anni. E’ di colore giallastro con striature tendenti al rosso.

Acero Canadese

Acer saccharinum o acero da zucchero o acero del Canada è una specie appartenente alla famiglia delle Aceracee, diffusa in Nord America. Il suo legno, elastico, compatto e di colore chiaro, è ricercato in falegnameria, ma anche nei lavori di ebanisteria, liuteria e intarsio, per la bella colorazione delle venature.

Teak

Il legno di Teak è un’essenza pregiata, rinomata per le sue caratteristiche estetiche tanto quanto per quelle meccaniche e fisiche. Esistono due grandi famiglie di legno di Teak: il Teak Africano, più asciutto e simile a un legno comune, e il Teak Asiatico, più pregiato e idrorepellente.

Olivo

L’olivo o ulivo (Olea europaea) è un albero da frutto che si presume sia originario dell’Asia
Minore e della Siria, perché in questa regione l’olivo selvatico spontaneo è ab antiquo
comunissimo, formando delle vere foreste sulla costa meridionale dell’Asia Minore. Qui appunto i
Greci cominciarono a coltivarlo scoprendone le sue proprietà, cui diedero il nome speciale di λαία che i Latini fecero olea. Il legno presenta l’alburno giallo, il durame bruno chiaro con striature sia chiare che molto scure, ed è caratterizzato da tessitura finissima, mentre la fibratura è tormentata ed irregolare.